News - le ultime dal mondo CSA

Il personaggio del mese: Erika Violi

Erika Violi Ottobre 2022

Il personaggio scelto per l’intervista di questo mese è Erika Violi, Psicologa e Psicoterapeuta, Socia di CSA Cooperativa Servizi Assistenziali da settembre 2018 e operativa in diversi ambiti.

Ciao Erika, da dove cominciamo il racconto?

Sono originaria emiliana di Carpi, cresciuta in provincia di Mantova, ma il mio percorso formativo è legato a stretto filo all’Emilia: mi sono laureata in psicologia dello sviluppo a Parma e svolto la specializzazione in Psicoterapia Sistemico Relazionale Famigliare a Modena.

Ho nutrito fin da ragazza curiosità e passione per lo studio della mente umana e per aiutare le persone a superare le proprie situazioni di disagio.

 

Come è stato l’incontro con CSA?

 

Nel 2008 ho avuto il primo incontro con CSA, poiché svolgevo la mansione di Educatrice presso l’Asilo Nido Rodoni Vignola a Villa Garibaldi e la Cooperativa è subentrata nell’appalto. Mi sono così trovata a far parte di questa famiglia. Famiglia, perché è così che mi sono sentita fin da subito in CSA, una sensazione di serenità, calore e sicurezza che mi ha sempre accompagnato. Successivamente però ho sentito la necessità di completare la mia formazione con la specializzazione in Psicoterapia. Ho deciso, quindi, di aprire la Partita Iva ed interrompere, a malincuore, il mio rapporto con CSA.

 

Nel 2016, però, c’è stata una svolta nella mia vita: in una sera in cui io ed il mio compagno eravamo fuori, un incendio ha distrutto la nostra casa di Sustinente, bruciato la mia auto e nell’incendio è morto il nostro amato cane. Da un momento all’altro ci siamo ritrovati senza niente, privati di tutto. Ricordo ancora la solidarietà dei compaesani e del Comune.

 

Nei giorni successivi è stata fatta una raccolta fondi per poterci aiutare a ricomprare in parte ciò che era andato bruciato e il Comune ci ha donato un’abitazione nella quale sistemarci provvisoriamente. In quel periodo così difficile però è tornato un raggio di luce nella mia vita: la dott.ssa Elena Sora, Responsabile del Settore Educativo di CSA, mi ha ricontattato per chiedere se era mio desiderio ritornare in CSA, inizialmente con l’incarico di Psicologa presso lo Sportello Scolastico presso il Comune di Bagnolo San Vito. Come in una situazione di sliding doors mi sono trovata ad un bivio. Ho deciso di mollare gli incarichi professionali che svolgevo e ricominciare a ricostruire la mia vita proprio da CSA.

 

Come si è sviluppato il tuo rapporto professionale con CSA da quel momento fino ad oggi?

 

Dopo quel primo incarico, simbolo della mia “nuova vita” in CSA, me ne è stato affidato un secondo di mediazione famigliare. Nel frattempo, io ed il mio compagno abbiamo preso un nuovo cagnolino, Blacky, e dopo tre mesi ho scoperto di aspettare una bimba, Viola; è stato il dono più bello ed inaspettato che potessi ricevere. Negli anni gli incarichi presso CSA sono aumentati, prima come supporto all’Ufficio Educativo di CSA nel coordinamento pedagogico dei Nidi, poi la mediazione famigliare per la Tutela Minori del Comune di Mantova, gli interventi di supervisione agli Operatori presso le RSA e in ultimo agli interventi intensivi di neuropsichiatria per l’UOMPIA. Sono veramente grata a CSA per questa seconda possibilità che mi ha offerto, mi sento molto soddisfatta e gratificata dalla varietà di progetti che mi sono stati affidati e dalla possibilità di lavorare in equipe e confrontarmi con colleghi veramente seri e preparati.

 

Quali sono i tuoi hobby ed interessi che coltivi al di fuori del lavoro?

 

Oltre ai progetti lavorativi che seguo per CSA ho anche uno studio privato di Psicoterapia Individuale e di Coppia, il lavoro assorbe tanto tempo ed energie e di tempo libero ne ho veramente poco! Quando riesco mi piace leggere in particolare thriller e romanzi di narrativa, giocare con Viola e Blacky e stare con la famiglia a contatto con la natura e gli animali, come quest’estate che abbiamo fatto l’abbonamento allo zoo di Pastrengo.

 

Quali sono i tuoi sogni e speranze per il futuro?

 

Da quel giorno triste dell’incendio sono riuscita a ricostruire la mia vita lavorativa e famigliare ed ora mi sento veramente realizzata in tutti i campi: con CSA mi sento in famiglia e sogno di continuare su questa strada. Ora abitiamo con la mia famiglia nella casa che era stata di mia nonna, a Roncoferraro, ma il nostro desiderio è con il tempo di riuscire ad avere di nuovo una casa tutta nostra con un bel giardino nel quale veder giocare Viola e Blacky insieme.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi Social

CSA NEWS
CSA News – Maggio 2024
Leggi qui l’ultimo numero
LE ULTIME NEWS