News - le ultime dal mondo CSA

Le Fate Ignoranti – La magia del cibo che ci unisce

SAI1

MANTOVA – Domenica 8 ottobre l’APS il Colibrì, Mercatino Etico Permanente di via Ariosto n. 47 di Mantova, ha ospitato il pranzo sociale “Le Fate Ignoranti – La magia del cibo che ci unisce”, un evento di integrazione organizzato dal S.A.I. Sistema di Accoglienza e Integrazione.

A maggio 2023, la Cooperativa CSA, insieme ad altri Enti Partner, entra nella gestione del progetto ministeriale S.A.I., servizio che ha come obiettivo principale la (ri)conquista dell’autonomia individuale dei richiedenti/titolari di protezione internazionale e umanitaria che vengono accolti.

Per i beneficiari di progetto sono previsti interventi di “accoglienza integrata” che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

Uno degli obiettivi previsti dal S.A.I. è l’attività di Integrazione, che come in questa giornata ha preso vita attraverso un laboratorio di cucina internazionale realizzato coinvolgendo appunto i beneficiari di progetto, i volontari dell’APS Colibrì e altre realtà che orbitano in questo spazio come i Fridays For Future e l’associazione SIMM (Solidarietà Internazionale Marocchini Mantova) che si sono unite in totale spontaneità.

La cucina del “Colibrì” ha permesso ai partecipanti al laboratorio, in questo caso provenienti da Ucraina, Egitto e Bangladesh, di preparare i piatti tipici delle loro terre, deliziosi e profumati con sapori lontanissimi tra loro. Un lungo banchetto ha offerto gli involtini ucraini di verza ripieni di carne, il piatto egiziano a base di ceci, lenticchie, pasta, riso condito con salsa a base di aceto e limone, le bangladesi coscette di pollo piccanti accompagnate da riso bianco e molte altre pietanze preparate dagli invitati.

Ma gli “ingredienti” che hanno accumunato tutti questi sapori sono la vera integrazione, la curiosità di conoscere le diversità e la semplicità di vivere un vero momento di condivisione.

Cibo, musica, colori e soprattutto Persone, si sono mischiate naturalmente in un familiare pranzo della domenica che ha fatto fare agli invitati un sereno “giro del Mondo”.

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi Social