News - le ultime dal mondo CSA

Stati d’Anima: Poesie dal Mondo contro i messaggi d’odio

B1e76dbc A0de 4507 81b2 9658c114b568

Domenica mattina 21 gennaio presso la Biblioteca Gino Baratta di Mantova si è tenuto il primo appuntamento di Stati d’Anima – Poesie dal Mondo contro i messaggi d’odio, una rassegna di poesie proposta all’ interno delle attività di integrazione per i Beneficiari del Progetto Sai Enea di Mantova aperto al pubblico.

L’evento si è aperto con l’intervento dell’Assessore Alessandra Riccadonna che ha dato il benvenuto a tutti i numerosi partecipanti e presentato i Partner dell’evento che, motivando la loro presenza, hanno introdotto la prima lettrice di poesie della mattinata.

La rassegna è si presenta con la lettura in lingua originale della poesia scelta dal Beneficiario per poi essere letta in italiano dall’interprete per poi alternarsi a poesie nate in lingua italiana. Questa scelta di esposizione deriva dalla volontà di far entrare chi ascolta in contatto con la potenza e fascino del suono della lingua originale per poi scoprirne il significato.

Sono state lette poesie provenienti da varie parti del Mondo, letture dall’ Ucraina per poi arrivare all’Egitto, al Pakistan per poi passare in Italia e tornare in paesi stranieri da nomi sconosciuti ma che esistono ed hanno un “cuore poetico” identico al nostro.

Come spesso accade, “fare rete” amplifica la voce dei messaggi che si vogliono dare alla comunità, di senso ed efficace infatti è stata la collaborazione di tutte le parti: CoProSol, Comune di Mantova, Biblioteca Gino Baratta in particolare i Servizi Bibliotecari, Progetto SAI Enea, CSA Coop, Mantova Poesia e BibliOfficina.

I partecipanti si sono emozionati ed hanno ringraziato per questa iniziativa che ha trasformato una domenica mattina in un momento di vicinanza a tutto ciò che si sta vivendo in questo difficile periodo storico confermandoci che, nelle poesie in cui si parla di attaccamento alla propria terra, di famiglia, di dolore e di amore, si parla una sola lingua che ci accomuna e unisce che possiamo chiamare “la lingua dell’Umanità”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi Social