News - le ultime dal mondo CSA

Progetto Cooperazione Salute – Mutualità e welfare Generativo

Woman 3186741 1280

Le Cooperative sono società che perseguono lo scopo mutualistico, ciò significa che forniscono direttamente ai Soci beni, servizi od occasioni di lavoro a condizioni più vantaggiose di quelle che i Soci stessi otterrebbero sul mercato.

Sulla base di queste premesse, CSA è stata scelta da Cooperazione Salute quale destinataria, per le province della Lombardia, di una quota utilizzabile per il Piano Prestazioni Territoriali per l’anno 2023.

Il progetto, in fase di realizzazione, è finalizzato all’accompagnamento nel processo di invecchiamento e all’integrazione delle risposte di cura. L’azione è rivolta agli anziani (e le loro famiglie) che non sono ancora in una condizione di non autosufficienza, ma che è prevedibile ci arrivino in tempi non troppo lunghi. L’intenzione è quella di comprendere sia le modalità di preparazione e accettazione dello stato di non autosufficienza sia di capire cosa porta le persone anziane fragili a rivolgersi tardivamente ai servizi domiciliari socioassistenziali, oltre a voler supportare le famiglie nell’orientamento all’accesso dei servizi. È indiscusso, infatti, che le persone vivono più a lungo rispetto al passato e che ciò comporta che anche la transizione verso la non autosufficienza si protrae per un tempo più lungo, necessitando di sostenere le persone anziane fragili nel mantenere le loro risorse residue e/o aiutandole nelle difficoltà che incontrano. Emerge, inoltre, che l’esperienza di invecchiamento delle persone anziane e l’assistenza nei loro confronti si connotano del desiderio di domiciliarità (ageing in place), ossia di poter restare a vivere a casa propria e nella propria comunità di appartenenza, anche se questo desiderio non sempre è accompagnato da una pianificazione anticipatoria (advance care planning) che spesso rende impreparati gli anziani e le loro famiglie nel passaggio da una condizione di autosufficienza a una di non autosufficienza.

Il progetto, ora in fase di realizzazione, intende investire nel futuro dei servizi agli anziani con una parola d’ordine: integrazione delle risposte di cura. Il bisogno delle persone è sempre più multidimensionale e complesso e le risposte dei servizi non sempre sono esaustive. Inoltre, affrontare in autonomia le scelte assistenziali per un anziano o da parte di un familiare è impegnativo e faticoso. Spesso l’urgenza porta le famiglie a trovare soluzioni tampone, non sempre durature e risolutive. In questo senso il progetto ha l’obiettivo di offrire, invece, un orientamento e una presa in carico multiprofessionale per l’anziano e la sua famiglia in vista di una reale integrazione tra servizi pubblici e privati.

Nello specifico, il progetto prevede l’individuazione di 15 anziani beneficiari, che necessitano di un intervento multiprofessionale. Questi anziani e i loro famigliari vengono presi in carico con l’attivazione di più figure professionali (Assistente Sociale, Educatore, Operatore Socio Sanitario, Fisioterapista, Psicologo, ecc.) in base alla situazione e ai bisogni rilevati. La sperimentazione, infatti, mira a portare la famiglia a trovare un luogo di ascolto e di ricomposizione della domanda e dei professionisti con i quali costruire risposte personalizzate attraverso un confronto diretto con un’equipe multiprofessionale composta da Assistente Sociale, che fornisce consulenza e orientamento, e Operatori Socio Sanitari, Psicologi, Educatori, Fisioterapisti che si occupano delle prestazioni professionali. Si propongono così piani di intervento puntuali, che ottimizzano e valorizzano le risorse del territorio e della famiglia, sostenendone l’azione e seguendone gli sviluppi nel tempo.

Attraverso i fondi derivanti dalla mutualità, CSA può così re-immettere risorse sul territorio a favore della comunità, al fine di fornire ulteriori servizi ai cittadini a fianco del servizio pubblico, implementare nuove opportunità lavorative e ampliare lo sguardo (e l’analisi che ne consegue) sui bisogni emergenti del territorio.

Ecco perché la mutualità, a cui la cooperazione sociale volge la propria azione, è connessa a quel Welfare Generativo di cui tanto c’è bisogno, tanto più quanto poche sono le risorse a disposizione.

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi Social

CSA NEWS
CSA News – Maggio 2024
Leggi qui l’ultimo numero
LE ULTIME NEWS